Fonte: Con Amazon a breve per pagare basterà il palmo della mano; Basta denaro elettronico: da Amazon ora si paga con il palmo della mano; Introducing Amazon One—a new innovation to make everyday activities effortless

A cura di Alessandro Pendenza

Ricordate i film di fantascienza su futuri distopici nei quali si sperimentano i più sorprendenti metodi di riconoscimento personale? No? Grazie ad Amazon siamo a pochi passi da qualcosa di molto simile.

Mentre in Italia da qualche tempo le parti politiche e gli addetti ai lavori discorrono sull’utilità della forte limitazione (se non abolizione) del denaro contante (anche ai soli fini di limitare l’evasione fiscale in termini di IVA) nei laboratori della West Coast d’oltreoceano viene ultimato e lanciato un prodotto che permette di effettuare pagamenti che non preveda l’uso di carte di credito o altri device (come per esempio Apple Pay). L’ultima frontiera tecnologica del contactless e della dematerializzazione del denaro si chiama “Amazon One” e prevede che al momento del pagamento si usi solo il palmo della propria mano.

Perché il palmo della mano? Sul corporate blog si risponde così: “Abbiamo scelto il palmo della mano per tanti motivi, tra cui il fatto che è considerato più privato di alcune alternative biometriche richiede che qualcuno faccia un gesto intenzionale, è contactless, e, in definitiva, offre ai clienti il ​​controllo di quando e dove utilizzano il servizio”.     
Inoltre, per quanto riguarda la sicurezza della transazione, come l’impronta digitale umana, ogni palmo è unico.

Questo servizio per ora sarà disponibile solo in due negozi Amazon Go di Seattle, sede del colosso del e-commerce di Jeff Bezos, ma si prevede che in un prossimo futuro potrà essere esteso agli altri punti vendita Amazon Go e alla catena Whole Foods. In pratica sarà possibile per gli acquirenti prendere un qualsiasi prodotto ed uscire senza fare code o tirare fuori il portafoglio, perché il conto di quanto acquistato avverrà in maniera automatica grazie ad una rete di sensori e videocamere.

Il gigante di Seattle, come riportato sempre sul blog aziendale, pensa che “Amazon One abbia un’ampia applicabilità oltre i nostri negozi al dettaglio, quindi prevediamo di offrire il servizio anche a terze parti come rivenditori, stadi ed edifici per uffici in modo che più persone possano beneficiare di questa facilità e comodità in più luoghi”.

LEGGI ANCHE: L’intelligenza artificiale al servizio del crimine

Tutto quello che c’è da sapere sulla procedura del nuovo metodo di pagamento di Amazon

La procedura per usufruire del servizio, promettono i responsabili del progetto, che non durerà più di un minuto,  non richiederà  un account Amazon e consisterà in pochi step successivi:

  1. Inserire la propria carta di credito.
  2. Passare il palmo della mano sul dispositivo e seguire le istruzioni per associare quella carta all’esclusiva firma del palmo creata per l’utente tramite la tecnologia di intelligenza artificiale di Amazon.
  3. Decidere se registrare solo un palmo o entrambi
  4. Una volta eseguita la registrazione, bisognerà solamente passare il palmo della mano sopra il dispositivo Amazon One all’ingresso per circa un secondo.

Questa invenzione “nasce per essere uno strumento rapido, affidabile e sicuro che consente alle persone di semplificare le loro attività quotidiane, permettendogli di muoversi senza interruzioni durante la giornata”.

Il fatto di non utilizzare un qualsiasi strumento per effettuare un pagamento ha sicuramente un impatto amplificato in un momento storico in cui il contatto tra persone e con oggetti è fortemente monitorato e sottoposto a restrizioni causa il pericolo del diffondersi del COVID 19.

Continua a leggere su Medium.