Everything is becoming a computer”.  

Questo è l’incipit dell’opera di Bruce Schneier, crittografo e saggista statunitense, “security guru”, secondo l’Economist.

Click here to kill everybody”, scritto nel 2018, è il suo libro più recente ed è diviso in 12 capitoli racchiusi in due parti principali: “trends” e “solutions”. L’opera parla di come la quotidianità sia sempre più a rischio di attacchi informatici per le innumerevoli funzioni crossmediali che un dispositivo può svolgere connesso ad Internet.

Nella prima parte l’autore parla di come l’innovazione tecnologia e la rete abbiano cambiato il mercato e il concetto di sicurezza. Per spiegarci questo processo l’autore utilizza l’espressione “Internet+ security”. L’internet+ è l’applicazione di Internet insieme ad altre tecnologie come l’Internet mobile, il cloud networking, big data e l’Internet of Things (Iot), e, poiché ogni device connesso alla rete è sensibile ad eventuali attacchi informatici, l’Internet+ va reso sicuro.

LEGGI ANCHE: La California del nostro secolo: storie e incursioni nella “Grande Valle”

Tecnologia e vulnerabilità

Come esempio concreto della sua tesi Schneier confronta una macchina degli anni ’80 ed un’auto moderna. Il primo, quella più “antiquata”, proprio perché priva di device digitali, è meno vulnerabile ad un attacco hacker a differenza di una macchina moderna che, se “hackerata”, può causare seri danni al conducente e gli altri utenti della strada.

Schneier spiega infatti come questa nuova presa di coscienza del termine “sicurezza” abbia creato una “arms race between attackers and defenders” (p. 16) nello sviluppo di efficaci strategie di attacco e difesa. Una competizione tra difensori ed attaccanti atta a sviluppare dei sistemi di difesa e attacco efficaci l’uno contro l’altro.

La seconda parte del libro parla invece della soluzione più efficace per poter garantire una sicurezza maggiore capace di aumentare le difese dell’Internet+, sempre più fragili per via della costante competizione attacker-defender.

La quantità di minacce ha portato molti paesi a sviluppare maggiormente le loro forze di attacco cyber per rispondere ad eventuali attacchi.

Continua a leggere su