Fonte: Paolo Federici – COVID-19: Come l’avvento del COVID-19 ha modificato radicalmente il settore dei trasporti tra incongruenze, difficoltà, professioni e prospettive future – 11/09/2020

A cura di Lorenzo Tuzi

Tutto il mondo ha risentito dell’emergenza Coronavirus. Tra i settori più colpiti da questo contesto di caos ed incertezza la logistica e i trasporti, e insieme a questi il settore contrattualistico assicurativo, si trovano ora a dover fronteggiare una situazione quasi del tutto sconosciuta.

Una delle principali vittime è il commercio marittimo. Le nuove restrizioni dovute alla pandemia prevedono limitazioni in base alla nazionalità degli equipaggi ed ai paesi visitati in precedenza. Questo limita la diffusione del virus, ma porta anche ad un estremo ritardo del processo di imbarco e di cambio dell’equipaggio e, allo stesso tempo, influisce sull’efficienza dell’intero processo di spedizione delle merci.

Le attività nei centri logistici come magazzini, aeroporti e dogane hanno subito modifiche e variazioni portando ad un miglioramento delle procedure di sicurezza, ma aggravando i costi degli operatori della logistica e delle spedizioni. Secondo Fedespedi, il crollo del fatturato nel 2020 potrebbe raggiungere anche il 50% in meno rispetto all’anno precedente. (COVID-19: Come l’avvento del COVID-19 ha modificato radicalmente il settore dei trasporti tra incongruenze, difficoltà, professioni e prospettive future).

LEGGI ANCHE: Cyber Security e quota rosa: così l’UE ha inaugurato il registro dei talenti femminili

Trasporti e scompensi nella catena di produzione

Per il commercio marittimo vanno considerate anche le nuove leggi e i nuovi regolamenti sull’equipaggio e sulle merci che hanno fatto seguito al contesto di emergenza. Tra gli stati, inoltre, esistono numerose differenze a livello burocratico e legislativo, che creano delle incongruenze e difficoltà così da sottoporre i processi logistici e di spedizione ad ulteriori ritardi e problematiche.

Scompensi nella catena di distribuzione di molti prodotti a causa del confinamento, modifica delle consistenze degli stock, conseguenze per il datore di lavoro, incremento della possibilità che si manifesti l’insolvenza del cliente: questi sono solo alcuni dei temi che influiscono sul settore assicurativo.

Un esempio concreto di questi effetti è quello del commercio di mascherine, che negli ultimi mesi è stato soggetto a disposizioni di legge del tutto nuove ed in continuo cambiamento, con sequestri e blocchi della merce che hanno causato ingenti perdite.

Continua a leggere su Medium.