cookie, la tecnologia utilizzata per tracciare gli utenti nel mondo digitale, sono in grado di trascrivere le informazioni riguardo i siti visitati ed i dispositivi utilizzati per navigarvi all’interno.

Tramite i file di testo in HTML, o in Flash Adobe, i cookie memorizzano le abitudini di navigazione, la personalizzazione della pagina visitata e addirittura il contenuto del carrello in un sito di un utente per offrirgli delle impostazioni personalizzate al successivo accesso al dominio.

Questi cookie si dividono in due categorie principali: cookie di prima parte e cookie di terze parti. Per cookie di prima parte si intendono i cookie che raccolgono informazioni dell’utente che vengono inviate al proprietario legale del sito. I cookie di terza parte, invece, inviano le informazioni dell’utente a terze parti per scopi di marketing ed advertising con la autorizzazione esplicita dell’utente.

I cookie vanno quindi utilizzati con il consenso informato ed accettato dall’utente e con una raccolta tracciata di ogni informazione, in caso contrario si rischiano pesanti sanzioni.

LEGGI ANCHE: Smart Cities, misure di sicurezza contro gli attacchi informatici

Cookieless, un nuovo scenario per i player di mercato

Il GDPR e la direttiva ePrivacy europea stanno tuttavia portando ad una progressiva diminuzione dei cookie, soprattutto quelli di terze parti, per garantire una raccolta di informazioni con finalità di marketing conforme ai nuovi regolamenti europei, etica e al tempo stesso efficace, sia per le aziende che per gli utenti stessi.

Si sono già messi in azione alcuni colossi del settore tech, tra cui Google, che ha annunciato che entro il 2022 eliminerà i cookie di terze parti dal browser Chrome ed ha lanciato Privacy Sandbox: un’iniziativa che coinvolge i player del mercato digitale per ricercare e migliorare metodi di misurazione e targeting in assenza dei cookie. Apple ha invece rilasciato, con l’aggiornamento iOS 14.5, la funzionalità Att – App Tracking Transparency, che prevede l’autorizzazione da parte degli utenti per il tracciamento dei suoi dati durante il download di qualsiasi app dal suo store.

Continua a leggere su