Fonte:https://bari.repubblica.it/cronaca/2020/10/31/news/innovazione_una_start_up_di_torino_vince_digithon_2020_premiati_i_baresi_inventori_del_camerino_virtuale-272549677/

A cura di Lorenzo Tuzi

Il panorama start up in Italia ha assunto un sempre più delineato profilo di spessore all’interno dello scenario della tecnologia e dell’innovazione.

A far parlare di sé sono alcune start up nazionali che hanno preso parte all’edizione 2020 di Digithon, un evento ideato per presentare e mettere in risalto il proprio progetto davanti una platea di grandi player di mercato ed investitori, e in cui sono state premiate tra ben 400 progetti, di cui 50 i finalisti, che si sono sfidati nella finale dello scorso 31 ottobre 2020.

Qui di seguito i focus su alcuni progetti:

  • U-Care Medical di Torino ha sviluppato uno strumento diagnostico dotato di intelligenza artificiale per prevenire il danno renale nei pazienti ospedalizzati, in particolare nella terapia intensiva.
  • Regrowth, startup di Teramo, si fregia del Premio Intesa Sanpaolo Innovation Center come startup dedicata al settore food e agricoltura;
  • Joinyourbit srl, startup capitolina, ha vinto il premio della Digital Magics. Si tratta di un digital service provider che si occupa di firma digitale in mobilità e la notarizzazione, ovvero il processo di identificazione e legalizzazione di un documento, in un sistema blockchain;
  • Gamindo di Treviso è invece una piattaforma per le donazioni ai player di videogiochi e le è stato assegnato il premio GoBeyond by Sisal; 
  • Square è la startup milanese che si è aggiudicata il premio AwaRDS di RDS 100% Grandi Successi, premiata per uno strumento che mette in contatto una community di talenti (influencers e atleti) con esercenti locali e brands;
  • a Latitudo40, da Napoli, il premio Auriga – IC406 per una piattaforma che ricerca ed elabora le immagini prodotte dai satelliti per semplificare l’analisi di ampie porzioni di territorio;
  • Infine, la barese Mirror Room ha sviluppato un camerino virtuale, dove i clienti potranno provare in tempo reale gli indumenti senza essere in presenza fisica.

Continua a leggere su Medium.