Di Marco Foti

Fonte: Marco Foti, “Ecco perché occorre il rilancio del trasporto pubblico locale (Tpl)” 4 dicembre 2021, Start Magazine, https://medium.com/bvtechgroup/ecco-perch%C3%A9-occorre-il-rilancio-del-trasporto-pubblico-locale-tpl-73c688103b3e

Tpl, quali orientamenti attendersi per la definitiva ripresa del settore? L’intervento di Marco Foti

Il 18° rapporto “Audimob” sulla mobilità degli italiani fornisce interessanti spunti di riflessione sugli orientamenti che dobbiamo attenderci da parte delle Istituzioni per il rilancio del settore del trasporto pubblico locale (Tpl).

Iniziamo con un dato di fatto: il 2020 è stato l’anno della crisi profonda del trasporto pubblico per diversi motivi. Dalle regole del distanziamento sociale alla paura del contagio, dalla limitata offerta di trasporto ai periodi di chiusure locali e totali delle attività economiche, all’applicazione delle nuove modalità di lavoro in smart working.

Il 2020 è stato ancora l’anno dell’automobile: i dati di Isfort mostrano il mantenimento della “posizione dominante nella scelta degli italiani, riducendo lo share modale di soli 2,5 punti (dal 62,5% al 59%) rispetto al 2019″. Ovviamente il tutto a sfavore di un trasporto pubblico locale relegato in secondo piano.

LEGGI ANCHE: Cosa può fare l’Italia sulla qualità dell’aria

Il 2021, secondo le tendenze dei traffici stradali elaborate dalla Struttura Tecnica di Missione del MIMS, evidenzia la ripresa dei flussi stradali “raggiungendo a febbraio 2021 circa l’80% di quelli dell’analogo periodo del 2019, per poi nuovamente ridursi sino a metà aprile in ragione della terza ondata di diffusione del virus. Sino ad arrivare a settembre, sulla rete ANAS, a valori paragonabili allo stesso periodo del 2019 e sulla rete autostradale superiori del 3%”.

Dati confermati anche dall’indagine Audimob di Isfort nella quale si rileva un “un tasso di mobilità pari al 77,2% (contro il 67,7% della media 2020)”.

I dati di monitoraggio della Struttura tecnica di Missione del MIMS per il 2021, in tema di trasporto pubblico automobilistico, confermano la crisi in atto del settore primario del trasporto collettivo.

Alla flessione della domanda di mobilità soddisfatta si associa una riduzione dei ricavi da traffico “proporzionalmente maggiore per la contestuale crescita di una diffusa evasione tariffaria”.

Continua a leggere su