Fonte: https://www.corrierecomunicazioni.it/cyber-security/il-sucesso-del-5g-resta-ancorato-alla-cybersecurity/

A cura di Alessandro Pendenza

Fortinet, azienda che fornisce un servizio di assistenza di protezione avanzata della rete e del suo contenuto e per la sicurezza degli accessi, ha pubblicato recentemente una survey realizzata da TelecomTV in collaborazione con HardenStance ed Etsi dalla quale emerge l’ottimismo e l’entusiasmo per l’utilizzo della rete 5G tra le imprese.

La rete 5G, secondo questo studio, attraverso una serie di miglioramenti qualitativi quali velocità più elevata, minore latenza e maggiore banda larga avrebbe la potenzialità di rilanciare le imprese e di incentivare i consumatori.

I settori che potrebbero trarne più benefici sono quello della sanità, della logistica e della smart mobility. Il miglioramento della qualità della banda e della velocità potrebbe permettere di poter impiegare nuovi servizi così innovativi da essere in grado di cambiare la vita quotidiana di cittadini e consumatori.

Come è ormai noto agli operatori del settore ogni innovazione, ogni passo in avanti in termini tecnologici aumenta anche il rischio di subire cyber attacchi, data breach e blocchi dell’operatività da parte di organizzazioni criminali. Il diffondersi di dispositivi connessi alla rete e tra loro rende più semplice per i cyber criminali introdursi nelle reti. Necessaria diventa quindi la capacità degli operatori di reti mobili e delle aziende di innovare le strategie di difesa e di potenziare la cybersecurity a protezione dell’intera infrastruttura di rete dal “mobile core” all’”edge”.

LEGGI ANCHE: Intelligenza artificiale e Machine Learning, i dati nella tecnologia del futuro

5G e nuove necessità di sicurezza

La ricerca di Fortinet spiega come quasi il 90% del campione preveda un aumento di ricavi medi per utente a seguito degli investimenti sul nuovo standard, per una crescita che sarà suddivisa in modo uniforme tra reti 5G pubbliche e private, “ma poiché almeno la metà di tutte le reti private saranno probabilmente costruite e gestite dagli operatori.

Continua a leggere su Medium.