A cura di Lorenzo Tuzi

“La copertura Internet dell’intero Paese deve essere considerata oggi un interesse nazionale come lo è la sicurezza di questa copertura.” Queste sono alcune delle parole con cui la Ministra dell’Innovazione tecnologica e della Digitalizzazione Paola Pisano parla dell’importanza del digitale, un processo in cui l’Italia è in ritardo e che potrebbe permettere di dare un supporto allo sviluppo economico per il nuovo decennio. Il gap digitale è, infatti, un fattore negativo non solo per i cittadini ma anche per l’appetibilità nei confronti di possibili investimenti.

Se, da un lato, a frenare lo sviluppo digitale, e progressivamente non aumentarne l’accesso, contribuiscono anche i costi elevati di investimento spesso non sostenibili, dall’altro, il divario digitale accentua le diseguaglianze economiche già esistenti. Il tema è quindi fondamentale anche per sostenere in maniera efficace la progressiva digitalizzazione dei servizi.

LEGGI ANCHE: Neuralink, come collegare cervello e calcolatore: la nuova promessa di Elon Musk

Una Digitalizzazione nazionale

Tra le priorità rientrano la cyber security, la sicurezza e la protezione dei dati. “E nel futuro, se non già nel presente, vediamo un mondo nel quale vari equilibri geopolitici appaiono in via di ridefinizione.

Oggi buona parte dei nostri dati è conservato in memorie che si trovano altrove, all’estero. Adesso le cose stanno così e non possiamo cambiare tutto nel giro di un mese o sei mesi.

Continua a leggere su Medium.