John Allen, “La storia di COVID-19 sarà scritta dai vincitori”, Foreign Policy, 20 marzo 2020

a cura di Marzio Di Feo

Come è sempre stato, la storia sarà scritta dai “vincitori” della crisi COVID-19. Ogni nazione, e sempre più ogni individuo, sta vivendo la tensione sociale di questa malattia in modi nuovi e potenti.

LEGGI ANCHE: La mobilità nell’era Post Covid

COVID-19

La lotta ai tempi della crisi COVID-19

Inevitabilmente, quelle nazioni che perseverano, sia in virtù dei loro sistemi politici ed economici unici, sia dal punto di vista della salute pubblica, rivendicheranno il successo su coloro che sperimentano un risultato diverso e più devastante.

Per alcuni, questo apparirà come un grande e definitivo trionfo per la democrazia, il multilateralismo e l’assistenza sanitaria universale. Per altri, mostrerà i chiari “benefici” di un governo deciso e autoritario.

Ad ogni modo, questa crisi rimescolerà la struttura del potere internazionale in modi che possiamo solo iniziare a immaginare. COVID-19 continuerà a deprimere l’attività economica e ad aumentare la tensione tra i paesi. A lungo termine, la pandemia probabilmente ridurrà significativamente la capacità produttiva dell’economia globale, soprattutto se le imprese chiudono e gli individui si staccano dalla forza lavoro.

Continua a leggere l’articolo su Medium.