Il Black Friday e il Cyber ​​Monday sono due dei giorni di shopping più grandi e importanti dell’anno. Decine di miliardi di dollari di acquisti vengono effettuati durante le quattro giornate successive al Thanksgiving, l’annuale festa americana che si svolge il quarto giovedì di novembre. Poiché la spesa in queste giornate aumenta ogni anno, gli acquirenti cercano di organizzare i propri acquisti nel miglior modo possibile e le aziende si preparano a una imponente frenesia dello shopping online poiché la pandemia da COVID-19 probabilmente ridurrà le famose vendite di doorbuster (beni in super saldo) di persona. Ciò detto, i cybercriminali coglieranno l’occasione per truffare più persone che potranno durante le prossime festività natalizie.

Qual è la differenza tra il Black Friday e il Cyber ​​Monday?

Il Black Friday è tradizionalmente il giorno dedicato allo shopping di persona che prevede grandi svendite nei centri commerciali e nei negozi negli Stati Uniti: “Il Black Friday è nato nella vendita al dettaglio. Il Cyber ​​Monday è stata la risposta del mondo online. Quindi, all’inizio, si andava nei negozi il venerdì, e poi si accedeva nel cyberspazio il lunedì quando si tornava al lavoro.” Anche se gli sconti sono disponibili online durante il venerdì, le vendite di persona di solito non esistono durante il Cyber ​​Monday perché è, per la maggior parte delle persone, “quasi esclusivamente un giorno ‘festivo’ online.” Gli sconti accattivanti e le offerte attirano milioni di acquirenti ogni anno. Recentemente, con il crescente utilizzo della tecnologia e la diffusione dei dispositivi mobili, le vendite online hanno superato gli acquisti di persona. Come spiegato da Tercius Bufete, “per gli articoli che probabilmente acquisterete una volta all’anno o meno, probabilmente troverete sconti migliori durante il Black Friday. Qualunque cosa comprerai come regalo (di Natale) avrà probabilmente sconti migliori durante il Cyber ​​Monday.” Pertanto, gli articoli “big-ticket” (beni costosi) sono in vendita il venerdì e i prodotti tecnologici hanno offerte migliori il lunedì.

LEGGI ANCHE: Gaia X: il contributo del sistema Italia per il cloud europeo

Uno sguardo ai numeri

La mania del Black Friday si è diffusa fino a diventare un evento globale con nomi e date diversi. Queste versioni della festività americana si possono trovare in Cina (Singles Day), dove le vendite hanno superato i 38 miliardi di dollari nel 2020, nel Regno Unito, in Canada, in Australia e in altri paesi il giorno dopo Natale (Boxing Day) e in vari altri luoghi in tutto il mondo mentre comunque si continua ad acquistare nelle normali date del Black Friday e del Cyber ​​Monday.

Storicamente parlando, il Black Friday e il Cyber ​​Monday hanno registrato alcuni degli importi di spesa più elevati durante l’anno con il sabato prima di Natale (Super Saturday o Panic Saturday) e, più recentemente, il Prime Day di Amazon (ottobre). Nel 2019, oltre 90 milioni di acquirenti hanno fatto acquisti online durante il Black Friday e le vendite hanno raggiunto i 7,4 miliardi di dollari, mentre il Cyber ​​Monday ha raggiunto i 9,4 miliardi di dollari. A causa dell’attuale pandemia da COVID-19, i rivenditori si aspettano che molti acquirenti si spostino sulle loro piattaforme online per ordinare i loro prodotti. Ci si domanda, inoltre, che impatto avrà il Coronavirus sull’inizio non ufficiale del periodo natalizio. Gli acquirenti avranno fondi sufficienti da spendere come gli altri anni o il budget sarà inferiore? Lo slittamento a ottobre del Prime Day, che di solito si verifica durante l’estate, implicherà che gli acquirenti avranno già trovato quello che stavano cercando? Con il probabile aumento degli acquisti online, in che modo i criminali informatici trarranno vantaggio da questa situazione e cosa faranno le aziende per proteggere se stesse e i propri clienti?

Continua a leggere su