La tecnologia si sta preparando per la sua prossima sfida extra-terrestre: “collegare” la Luna attraverso le reti 4G.

L’obiettivo rientra nel programma Artemis, con il quale la NASA sta pianificando di stabilire una presenza umana sostenibile sulla Luna entro la fine del decennio.

A tal fine, la NASA si è rivolta a Nokia, principale fornitore di telecomunicazioni con la richiesta di progettare un sistema che stabilità una rete 4G per essere utilizzato dai futuri astronauti che cammineranno sulla Luna.

Il progetto con Nokia

Sebbene la NASA abbia anche sviluppato un software proprietario per abilitare le comunicazioni tra lo spazio e la Terra, il progetto con Nokia è leggermente diverso. La società è stata incaricata di creare una rete locale sulla Luna, che si estenderà solo per circa cinque chilometri, per consentire la comunicazione tra gli astronauti e le apparecchiature a terra.

La rete assumerà varie applicazioni di trasmissione dati, che vanno dalle comuni comunicazioni vocali e video al controllo remoto dei rover lunari, alla navigazione in tempo reale e allo streaming di video ad alta definizione.

Per trasportare la tecnologia 4G sulla luna, Nokia sta collaborando con Intuitive Machines, società di veicoli spaziali autonomi che sta costruendo un lander lunare per trasportare il sistema di comunicazione LTE attraverso lo spazio e consegnare in sicurezza l’apparecchiatura di rete sulla superficie lunare.

LEGGI ANCHE: Internet è uno dei maggiori produttori di CO2

Un rover partirà insieme all’equipaggiamento

Nokia sta dotando il lander di Intuitive Machine di una stazione base LTE simile a quelle che si trovano nelle reti 4G terrestri, che si auto-configurerà al momento dell’implementazione. 

Il lander dispiegherà quindi un rover che partirà con l’equipaggiamento dell’utente e un’antenna che si collegherà alla stazione base e stabilirà efficacemente il 4G.

Sebbene il processo sembra abbastanza simile al dispiegamento di una rete convenzionale, in realtà i vincoli dello spazio spingono a far sì che ogni dettaglio debba  essere attentamente pianificato, soprattutto nelle fasi di lancio e atterraggio.

Continua a leggere su