• BV Tech S.p.A.
    • en
    • it

News

BV TECH partner del Centro di Competenza Cyber 4.0

BV TECH è tra i partner del Competence Center Cyber 4.0 di Roma, uno degli 8 “Centri di competenza ad alta specializzazione” previsti dal Piano nazionale Industria 4.0, costituiti secondo il modello di partenariato pubblico-privato.

Un polo di orientamento e formazione finalizzato alla realizzazione da parte delle imprese fruitrici, in particolare delle PMI, di nuovi prodotti, processi o servizi tramite lo sviluppo e l’adozione di tecnologie avanzate in ambito Industria 4.0, nell’area tematica della Cybersecurity.

La struttura del CC è formata da un nucleo centrale Cyber Security Core (a coordinamento Sapienza-Luiss) e tre pilastri Spazio (coord.  Sapienza), eHealth (coord. Tor Vergata), Automotive (coord. Roma Tre).

Ognuno di questi domini erogherà Servizi di Orientamento alle Imprese, Servizi di Formazione e realizzazione di progetti di Innovazione tecnologica e ricerca, in ambito Industria 4.0 nell’area tematica della cybersecurity.

Il CC cyber 4.0 aggrega 10 organismi pubblici di ricerca e 37 soggetti privati, che includono grandi imprese, PMI e Fondazioni, così da garantire tutte le competenze adeguate in termini di orientamento, formazione, ricerca e innovazione.

Capofila del progetto è l’Università La Sapienza e coinvolge altre strutture come Università di Tor Vergata, Università Roma 3, LUISS, Università della Tuscia, Università di Cassino, Università de L’Aquila, CNR, INAIL, ISS.  Tra i soggetti privati, 37 aziende partner, tra cui Leonardo, Poste Italiane, BV TECH, Thales. Telespazio, Selta, Cy4gate, Sogei.

Il Presidente Raffaele Boccardo fa parte del consiglio di gestione dell’Associazione Cyber 4.0, il soggetto gestore del CC, che nel perseguimento dei propri scopi è preposto a:

  1. promuovere, presentare e realizzare progetti di ricerca
  2. realizzare e sostenere attività di formazione, orientamento, informazione, studio e ricerca [
  3. svolgere, con l’osservanza delle modalità di legge, attività di raccolta fondi
  4. attivare collaborazioni e stipulare contratti, convenzioni e, comunque, accordi
  5. stipulare con la Comunità Europea ed altri Enti Internazionali, Ministeri, Regioni, Enti e Società convenzioni
  6. sostenere, direttamente o indirettamente, la progettazione, la realizzazione e lo sviluppo di progetti ed iniziative di interesse generale
  7. fungere da centro di raccolta e diffusione di informazioni e proposte tecniche, nell’interesse dei soci e dei potenziali utilizzatori[omissis];
  8. attrarre e formare personale, anche attraverso la progettazione e realizzazione di prodotti, servizi e programmi di formazione superiore
  9. promuovere l’immagine dei soci in ambito nazionale ed internazionale
  10. realizzare, gestire, affittare, assumere il possesso a qualsiasi titolo, acquistare beni mobili e immobili, impianti e attrezzature e materiali
  11. essere titolare e/o licenziataria di marchi, brevetti e privative industriali;
  12. svolgere qualsiasi altra attività strumentale, accessoria o connessa agli scopi;
  13. supportare le attività di policy-making a livello nazionale, collaborando con i ministeri competenti nel settore della Cybersecurity .

Il costo complessivo per la creazione e gestione del CC, che avrà una durata di 36 mesi salvo eventuali estensioni, è di euro 15 milioni, di cui 9 milioni per le attività di funzionamento, disseminazione, management, orientamento e formazione previste nell’ambito del CC e 6 milioni per l’implementazione di 15 progetti di R&S e innovazione. Oltre a questo ci sono i finanziamenti da parte dei partner, conferiti in parte in fondi e in parte in tecnologie per garantire una rapida operatività.

Read more

Quinto posto al mondiale di cybersecurity per i mHackeroni

La Nazionale italiana di hacker al Def Con CTF di Las Vegas

La nazionale italiana di hacker etici, i “mHackeroni”, si è classificata al quinto posto al Mondiale della sicurezza informatica (Def Con CTF) e al primo posto tra i team europei. Vincitori della competizione, per il settimo anno consecutivo, gli americani dell’Università di Pittsburgh, a seguire le nazionali di Taiwan, Cina e Corea del Sud.

Dopo tre giorni di sfide informatiche tra sedici gruppi qualificati a livello mondiale, i più talentuosi di ogni continente, si è conclusa l’11 agosto scorso la 27esima edizione del Def Con, a Las Vegas. Si tratta del mondiale per hacker più prestigioso e famoso al mondo, anche citato da numerosi film e serie tv tra cui X-Files, The Signal e Mr. Robot.

La Nazionale italiana di hacker conquista il quinto posto ai Mondiali di cybersecurity

La nostra nazionale di hacker etici si conferma un’eccellenza internazionale, primi a livello europeo e quinti a livello mondiale, guadagnando due posizioni rispetto allo scorso anno sulla classifica mondiale. Il team dei mHackeroni nasce dall’unione delle cinque migliori squadre italiane ed è formato da 40 ragazzi tra i migliori studenti e ricercatori in cybersecurity – le principali Università rappresentate includono La Sapienza, il Politecnico di Milano, Ca’ Foscari di Venezia. Nel team anche i ragazzi dei Cyberdefender, la squadra voluta dal Laboratorio nazionale di cybersecurity del Consorzio interuniversitario nazionale per l’informatica.

E’ un onore e motivo di orgoglio per il Gruppo BV Tech essere sponsor e partner della squadra Nazionale di cybersecurity. Altresì siamo particolarmente felici del contributo alla formazione di giovani cybercampioni da parte delle principali Università partner coinvolte tra cui la scuola del Prof. Zanero al Politecnico di Milano fondatore di Secure Network.

(Fonte immagini: Facebook)

Read more

BV TECH entra a far parte della RTD – Rete d’Imprese per la Trasformazione Digitale

E’ nata il 10 settembre 2018 la Rete d’Imprese per la Trasformazione Digitale.

La grande sfida che ci poniamo è di accompagnare le Imprese italiane e le Pubbliche Amministrazioni nell’era digitale.

La nostra ambizione è quella di assumere un ruolo leader nel panorama nazionale a supporto delle Aziende italiane e della PA, offrendo strumenti e competenze per la trasformazione digitale dei processi di business.

La Rete è tutta italiana, costituitasi su iniziativa di Olivetti, ed è formata da 11 Imprese, in gran parte PMI: AizoOn, BV TECH, FabbricaDigitale, Idea IT, Integris, Netgroup, Regola, Servizi Speciali, Sistemia, Webgenesys.

La Rete copre l’intero territorio nazionale grazie alla presenza capillare delle sue Imprese, fortemente radicate nel territorio e con competenze eterogenee in grado di rispondere ad ogni esigenza per la Trasformazione Digitale.

Essere Digitali è ormai un must, una dimensione indispensabile per le Aziende che devono competere sul mercato ma anche, e forse ancor di più, per le Pubbliche Amministrazioni che non solo devono innovarsi ma principalmente adeguarsi per dialogare e fornire i servizi ai cittadini con modalità nuove, semplici e digitali.

Trasferire in Cloud e virtualizzare soluzioni aziendali, e/o rivederle in una nuova dimensione Full-Digital, utilizzare la BI sui propri dati, raccogliere e gestire Big-Data ed estrarre insights che forniscano un vantaggio competitivo sul proprio mercato, dotarsi di ambiente Industry 4.0 che permetta di coniugare efficienza e benefici fiscali, passare da una manutenzione ripetitiva o su guasto ad una predittiva riducendo significativamente costi e fermi produttivi sono solo alcune delle capacità e competenze che la Rete è in grado di offrire con l’impegno delle tecnologie best of breed.

Visita il sito: http://www.retetrasformazionedigitale.it/

Read more

TBridge al TRA ‘18 di Vienna

Presentata nell’ambito della 7th Transport Research Arena TRA ‘18 di Vienna (https://www.traconference.eu/) la ricerca di TBridge relativa al progetto europeo Rumobil. Una partecipazione, quella degli esperti di TBridge, molto significativa poiché il TRA di Vienna è una delle più importanti manifestazioni europee nel campo dei trasporti. Dopo la Conferenza di Budapest, la società del Gruppo BV TECH è stata dunque tra i protagonisti anche a Vienna, sempre con il progetto Rumobil, affiancando gli altri partner europei. Un apporto rilevante e una presenza che conferma il ruolo di TBridge sulla scena internazionale come punto di riferimento per rispondere alla sfida tecnologica di una mobilità smart e per proporre approcci innovativi per il trasporto pubblico. Tema della conferenza: “Un’era digitale per il trasporto – soluzioni per società, economia, ambiente”. Per quattro giorni, dal 16 al 19 Aprile, Vienna è stata la capitale della ricerca europea sui trasporti: TBridge è stata chiamata a portarvi il proprio contributo di idee, competenze, know how. Un contributo di qualità che accredita l’azienda italiana tra i maggiori interlocutori in Europa nell’innovazione per i trasporti del futuro.

Read more
alt="rumobil interreg project"

Progetto RUMOBIL per la smart mobility: il contributo di TBRIDGE al CSEE’18 di Budapest

Dalla smart city alla smart land: le nuove tecnologie superano i confini urbani per coinvolgere le aree circostanti. Il progetto RUMOBIL, finanziato dall’Unione europea, risponde alla sfida di una mobilità smart anche nelle aree periferiche, attraverso la collaborazione internazionale tra istituzioni e aziende di trasporto pubblico. Il progetto propone alle Regioni dell’Europa Centrale approcci innovativi per il trasporto pubblico: strategie basate sull’analisi delle best practices, sulle competenze e sulle idee dei partner del progetto e degli stakeholder coinvolti, e sull’esperienza degli utenti. Sono stati elaborati documenti di lavoro incentrati sui diversi aspetti delle politiche di trasporto pubblico, e in grado di anticipare l’evolversi della domanda nei prossimi anni. TBridge, società del Gruppo BV TECH e partner del progetto, ha prodotto un rapporto sulle applicazioni IoT nel campo della smart mobility che rappresenta un importante punto di riferimento: il documento offre un inquadramento generale dello stato dell’arte, focalizzandosi sui diversi ambiti della smart city e della smart land. Il paper è stato accettato per la pubblicazione negli atti del “3rd World Congress on Civil, Structural, and Environmental Engineering (CSEE’18)” e sarà presentato il prossimo 10 aprile dagli esperti di TBridge nel corso della “3rd International Conference on Traffic Engineering (ICTE’18)” che si svolgerà a Budapest (https://teconference.com/).
I principali step del progetto sono le azioni pilota, l’elaborazione di una strategia RUMOBIL e le decisioni politiche per attuarla nelle otto Regioni partner, attraverso un miglioramento dei loro piani di mobilità. Le azioni pilota consentono di testare una serie di applicazioni innovative durante un periodo di 12-18 mesi, grazie alle quali le aree periferiche, generalmente penalizzate da un’offerta di servizi limitata, possono essere meglio collegate ai principali nodi di trasporto.

PROGETTO RUMOBIL

  • Mobilità rurale nelle Regioni Europee caratterizzate da cambiamenti demografici
  • Programma: Interreg
  • Sito Progetto: http://www.interreg-central.eu/Content.Node/rumobil.html
  • Partner Coordinatore: Ministero Sviluppo Regionale e Trasporto Saxony-Anhalt
  • Ruolo di TBRIDGE: Coordinamento tecnico nell’elaborazione della strategia RUMOBIL e sua implementazione nelle aree pilota.

PARTNER DEL PROGETTO

  • Ministry for Regional Development and Transport of Saxony-Anhalt (DE) (Lead Partner)
  • Mazowieckie Voivodeship (PL)
  • HŽ Passenger Transport Limited Liability Company (HR)
  • Vysočina Region (CZ)
  • JIKORD s.r.o. (CZ)
  • The Institute of Technology and Business in České Budějovice (CZ)
  • T Bridge S.p.A (IT)
  • Agency for mobility and local public transport Modena S.p.A. (IT)
  • University of Žilina (SK)
  • Žilina self–governing region (SK)
  • Self-government of Szabolcs-Szatmár-Bereg County (HU)
  • Municipality of Nagykálló (HU)

DURATA DEL PROGETTO
Il Progetto è iniziato in data 01.06.2016 e terminerà il 31.05.2019.

Read more
alt="immagine del progetto elviten"

ELVITEN, il progetto H2020 per la mobilità elettrica. TBRIDGE protagonista

Il progetto ELVITEN (Electrified L-category Vehicles Integrated into Transport and Electricity Networks) riconosce il futuro della mobilità urbana nella diffusione dei veicoli elettrici (EL-V): finanziato dal programma europeo Horizon 2020 per la Ricerca e l’Innovazione, si pone l’obiettivo di dimostrare come i veicoli elettrici leggeri (EL-V) possono essere integrati con successo nelle aree urbane, aumentandone l’attrattività per gli utenti che ne sperimenteranno i vantaggi. Sei le città europee coinvolte nella fase di dimostrazione (Bari, Berlino, Genova, Malaga, Roma, Trikala), ciascuna con una caratteristica flotta di EL-V e specifiche infrastrutture, problemi di mobilità, e politiche. TBridge, società del Gruppo BV TECH, è partner del progetto, insieme ad altri 21 partecipanti di diversi Paesi europei.

Avviato nel 2017, ELVITEN affronta le criticità e gli ostacoli che si interpongono alla piena adozione dei veicoli elettrici per gli spostamenti in area urbana di viaggiatori, occasionali e pendolari, e di operatori dei servizi di consegna. Il progetto sperimenta soluzioni in grado di incentivare l’impiego di veicoli elettrici, sia di proprietà che in condivisione.

Obiettivi:

  • dimostrare i vantaggi dell’utilizzo di veicoli elettrici nelle sei città europee;
  • integrare le stazioni di ricarica esistenti in un’ampia e aperta piattaforma per gli utenti;
  • incentivare l’utilizzo dei veicoli elettrici leggeri per spostamenti urbani occasionali e sistematici attraverso strumenti di facile accesso;
  • analizzare i viaggi e i dati degli utilizzatori al fine di rendere disponibili raccomandazioni per le autorità pubbliche di altre città europee.

TBridge è impegnata sul progetto con un ruolo di rilievo, quale coordinatore e responsabile dello sviluppo delle attività per dotare le sperimentazioni di una Piattaforma che permetta la comunicazione tra le soluzioni e l’accesso agli utilizzatori in una logica integrata. Gli utenti delle sei città sede delle dimostrazioni potranno, attraverso la piattaforma, usufruire dei servizi ELVITEN tramite applicazioni per dispositivi mobili e fisse per la prenotazione dei punti di ricarica, la gestione del rooming dell’energia elettrica, la prenotazione dei servizi di sharing, l’utilizzo dei veicoli elettrici forniti appositamente per il progetto.

TBridge nel corso del progetto sviluppa una APP per gestire i comportamenti virtuosi degli utilizzatori, registrare i servizi e un sistema di ricompensa degli utenti tramite un “Sistema Incentivi” studiato appositamente per il progetto, che in prospettiva potrà essere aperto e integrare altri servizi in una logica premiante per i cittadini delle Smart Cities.

TBridge, inoltre, contribuirà alla definizione della metodologia e all’implementazione della sperimentazione pilota nella città di Genova.

Il progetto prevede un’analisi costi-benefici degli interventi necessari alla piena adozione delle soluzioni sperimentate, suggerendo modelli di business sostenibili per la condivisione, il noleggio, la sosta e la ricarica di EL-Vs e la diffusione dei sistemi ICT a supporto.

Informazioni dettagliate su ELVITEN sono disponibili sul sito ufficiale https://www.elviten-project.eu/en/.

Nome del progetto: Electrified L-category Vehicles Integrated into Transport and Electricity Networks

  • Data di inizio: 1 Novembre 2017
  • Durata del progetto: 36 mesi
  • Costo complessivo: EUR 9.5 milioni
  • Contributo UE: EUR 7.8 milioni
  • Partner: 21
  • Coordinatore del progetto: Angelos Amditis (ICCS)

 

Read more
alt="I progettti per la ricerca e sviluppo di BV TECH"

BV TECH punta sulla Ricerca. I Progetti

Il settore Ricerca & Sviluppo è considerato da BV TECH un fattore competitivo fondamentale. Il Gruppo collabora per questa attività con Università e Centri di Ricerca prestigiosi: è membro del Consorzio Milano Ricerche (http://www.milanoricerche.it/members/), è soggetto fondatore e membro del Polo di Innovazione per le Tecnologie della Salute (http://www.biotecnomed.it/profilo/) e dell’Interdisciplinary Consortium for Improving Critical Infrastructure Cybersecurity (IC)3 (https://ic3-2017.mit.edu/about-us/members) presso la Sloan School of Management del MIT.

BV TECH investe in media ogni anno oltre il 5% dei ricavi in attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e acquisto di tecnologie innovative. Partecipa inoltre a programmi regionali, nazionali e comunitari per lo studio e lo sviluppo di piattaforme tecnologiche innovative nelle aree di eHealth, Security, Smart Cities and Government, Transport and Logistics.

Tra i numerosi ed importanti progetti in corso, citiamo quelli avviati più di recente:

  • ELVITEN (Electrified L- category Vehicles Integrated into Transport and Electricity Networks), avviato nel 2017, di cui è partner TBridge, per lo studio delle barriere che si interpongono all’adozione dei veicoli elettrici (EL-Vs) per gli spostamenti in area urbana e la sperimentazione di soluzioni in grado di incentivarne l’impiego;
  • ADIUVANT (ADvanced Ict cloUd based and Virtualized plAtform for INTegrated and personalized medicine), avviato quest’anno e coordinato da BV TECH, per l’ideazione e sperimentazione di una piattaforma tecnologica di servizi per la gestione delle cronicità con specifico riferimento alle patologie croniche a forte impatto sociale: cardiovascolari, neurologiche e pneumologiche;
  • MATE (Multifunction Assistant for liTtle kids and the Elderly), che ha come partner Progesi e come obiettivo la creazione di un cinturino multiuso intelligente, programmabile a distanza, a supporto delle necessità della vita quotidiana delle fasce deboli della popolazione (anziani, bambini, persone ammalate);
  • NET4HEALTH (NETwork FOR HEALTH management), avviato nel 2017, coordinato da TBridge, per la realizzazione di una piattaforma informatica di supporto per i pazienti affetti da cronicità tipiche dell’anziano (scompenso cardiaco) e del malato oncologico: il progetto mira a velocizzare e incrementare l’efficacia dei trattamenti terapeutici eseguiti nella fase di deospedalizzazione, agendo con tecnologie digitali sulla ottimizzazione dei flussi di lavoro e sulla armonizzazione delle attività che coinvolgono le strutture sanitarie e socio assistenziali disperse sul territorio.
Read more
alt="il convegno con il Presidente del gruppo BV TECH, Raffaele Boccardo, sulla cybersecurity presso l'associazione Ca' Foscari Alumni"

Cyber Security: Last Call. Il video del convegno

E’ disponibile, e quindi pubblichiamo, il video del convegno Cyber Security: Last Call, tenutosi a Mestre il 25 gennaio scorso e organizzato da BV TECH in collaborazione con l’Associazione Ca’ Foscari Alumni. E’ possibile seguire gli interventi di tutti i relatori, tra cui quello del Rettore dell’Università Ca’ Foscari, Michele Bugliesi, e del Presidente e Ceo di BV TECH, Raffaele Boccardo, promotore dell’evento.

Il tema è di grande attualità: il Rettore Bugliesi ha parlato di necessaria partnership tra Università e Imprese sul fronte della sicurezza dei dati, mentre l’Ing. Boccardo ha messo in luce il complesso rapporto tra “un dominio digitale così fantasticamente aperto” e la sua vulnerabilità con i rischi che essa comporta per ciascuno di noi, per il sistema economico, per la stessa sicurezza nazionale. Un convegno che segna una tappa importante per la conoscenza e la consapevolezza a tutti i livelli rispetto al tema della Cyber Security.

 

 

Read more