Nelle ultime settimane il gruppo RedditWallStreetBets” ha condotto una serie di “assalti commerciali coordinati” tramite la piattaforma di investimento Robinhood verso i pacchetti azionari di Gamestop e AMC. Questo ha fatto sì che le azioni di diverse società, in particolar modo Gamestop per l’appunto, raggiungessero un valore di oltre 400 dollari.

Dopo aver assistito ad un boom speculativo in borsa nelle scorse settimane, queste azioni hanno iniziato una ripida discesa perdendo i tre quarti del valore raggiunto, creando fermento ed emozioni contrastanti all’interno della piattaforma di Reddit.

LEGGI ANCHE: L’AI come strumento di apprendimento e partecipazione

Redditors: una guerra finanziaria

I “Redditors” hanno inizialmente intrapreso questa campagna di assalti per fare pressione su diversi hedge fund, fondi speculativi, di proprietà della Melvin Capital e fargli perdere grandi somme di denaro con l’aumento del valore delle azioni. Alcuni di questi utenti si sono tuttavia arricchiti nel corso della “battaglia finanziaria” ritirandosi prima del calo della bolla speculativa, mentre molti altri hanno subito ingenti perdite monetarie per portare avanti il loro ideale rivoluzionario.

Questo scontro ha inoltre sancito la crisi della piattaforma Robinhood, che dovrà difendersi al prossimo congresso di Washington dopo aver bloccato gli investimenti sulle azioni di Gamestop e AMC per non alimentare ulteriormente la bolla speculativa ed essere stata accusata di ostruire il libero mercato. La Melvin Capital, invece, ha perso circa il 53% delle azioni in questa guerra finanziaria e multinazionali di hedge fund come Citadel LLC e Capital 72 hanno dovuto investire oltre 3 miliardi di dollari per sostenere l’azienda di proprietà di Gabriel Plotkin, Founder e Chief Investment Officer di Melvin Capital.

Attualmente Le azioni di Gamestop hanno un valore di circa 50 dollari, un decimo di quello raggiunto nelle scorse settimane, un dato che sembrerebbe sancire la fine di questa guerra e lo sconforto della maggior parte dei Redditors che hanno investito in esse.

Continua a leggere su