A cura di Marco Foti

Serviranno anni prima che il traffico aereo riesca ad assorbire e smaltire la crisi: cosa si prospetta per Alitalia, easyJet e Ryanair? L’articolo di Marco Foti

Una crisi che colpisce l’intero comparto del settore aeroportuale, che sembra essere basato esclusivamente sulle compagnie aeree. Chi pensa alle società che gestiscono la filiera produttiva del comparto?

Nonostante gli ultimi allarmi lanciati da Assaeroporti, -75% del traffico nel 2020 (circa 53 milioni di passeggeri a fronte di più di 200 milioni nel 2019), sembra non interessare la crisi che attanaglia gli aeroporti italiani. Tutte le forze si sono concentrate sulla questione Alitalia (Decreto Agosto e 3 miliardi di euro per la new company) mentre delle oltre 130 aziende del settore e dei 40.000 lavoratori nessuno ne parla.

In questo quadro deficitario il nostro Paese è in netto ritardo in quanto non ha previsto finanziamenti alle società che gestiscono gli aeroporti, ad eccezione dello slittamento di due anni delle concessioni aeroportuali e la cig straordinaria sino a marzo 2021.

LEGGI ANCHE: Sostenibilità e tech, un’intelligenza artificiale green

Può bastare questo per tutelare le migliaia di lavoratori del comparto? Le risposte sono fornite dagli altri Paesi (meglio dire Governi).

La Germania, ad esempio, ha stanziato 1,36 miliardi di euro per gli aeroporti. Sarà un caso? No. In tutti i Paesi il sistema aeroportuale nazionale è essenziale per lo sviluppo, non solo per il turismo (in questo periodo azzerato) ma anche, e soprattutto oggi, per la mobilità di cittadini, lavoratori ed imprese.

La crisi economica dovuta alla pandemia da Covid ha messo in ginocchio tutto il sistema, i dati purtroppo lo certificano. Secondo le stime riportate in un report economico di Iata, la principale associazione di categoria che riunisce le compagnie aeree, “la ripresa sarà lunga e faticosa, serviranno anni prima che il traffico aereo riesca ad assorbire e smaltire la crisi in cui è sprofondato a causa del blocco dei viaggi per il coronavirus, il volume di traffico tornerà ai livelli del 2019 solo nel 2023”.

Continua a leggere su