La nazionale italiana di hacker etici, i “mHackeroni”, si è classificata al quinto posto al Mondiale della sicurezza informatica (Def Con CTF) e al primo posto tra i team europei. Vincitori della competizione, per il settimo anno consecutivo, gli americani dell’Università di Pittsburgh, a seguire le nazionali di Taiwan, Cina e Corea del Sud.ù

LEGGI ANCHE: BV TECH entra a far parte della RTD – Rete d’Imprese per la Trasformazione Digitale

Dopo tre giorni di sfide informatiche tra sedici gruppi qualificati a livello mondiale, i più talentuosi di ogni continente, si è conclusa l’11 agosto scorso la 27esima edizione del Def Con, a Las Vegas. Si tratta del mondiale per hacker più prestigioso e famoso al mondo, anche citato da numerosi film e serie tv tra cui X-Files, The Signal e Mr. Robot.

Cybersecurity
La Nazionale italiana di hacker conquista il quinto posto ai Mondiali di cybersecurity

Un’eccellenza italiano nel campo Cybersecurity

La nostra nazionale di hacker etici si conferma un’eccellenza internazionale, primi a livello europeo e quinti a livello mondiale, guadagnando due posizioni rispetto allo scorso anno sulla classifica mondiale. Il team dei mHackeroni nasce dall’unione delle cinque migliori squadre italiane ed è formato da 40 ragazzi tra i migliori studenti e ricercatori in cybersecurity – le principali Università rappresentate includono La Sapienza, il Politecnico di Milano, Ca’ Foscari di Venezia. Nel team anche i ragazzi dei Cyberdefender, la squadra voluta dal Laboratorio nazionale di cybersecurity del Consorzio interuniversitario nazionale per l’informatica.

LEGGI ANCHE: Encomi agli Ingegneri BV TECH dallo Stato Maggiore Della Difesa

La Nazionale italiana di hacker conquista il quinto posto ai Mondiali di cybersecurity

E’ un onore e motivo di orgoglio per il Gruppo BV Tech essere sponsor e partner della squadra Nazionale di cybersecurity. Altresì siamo particolarmente felici del contributo alla formazione di giovani cybercampioni da parte delle principali Università partner coinvolte tra cui la scuola del Prof. Zanero al Politecnico di Milano fondatore di Secure Network.

(Fonte immagini: Facebook)