di Marco Foti

L’IMEDD (Istituto Mediterraneo di Studi e Sviluppo Sostenibile), un’organizzazione fondata nel 2018 con la missione di sostenere e promuovere la trasparenza, la credibilità e l’indipendenza nel giornalismo sulla base della garanzia della meritocrazia e dell’eccellenza nel settore, ha realizzato una ricerca sull’impatto della pandemia dovuta al coronavirus negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU (UNSDG). Secondo quanto riportato nello studio, l’emergenza sanitaria colpisce tutti i 17 punti dello Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.

In particolare, riguardo al Goal 9 (Costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione e una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile), la ricerca prevede una diminuzione nell’utilizzo dei mezzi pubblici, sia per le limitazioni alla circolazione, sia perché nella successiva fase di ritorno alla normalità (la cd Fase 2) si dovrà preferire l’utilizzo dei mezzi propri sia per prudenza sia per paura.

Una ulteriore conseguenza delle restrizioni introdotte dovrebbe comportare un aumento della richiesta di connessioni a banda larga e dell’utilizzo di Internet, dovuto alla maggiore attenzione al tema dell’accesso alla rete da parte sia dei privati sia delle imprese.

LEGGI ANCHE: Post COVID-19, EL-V e nuova mobilità urbana

Tecnologia e Smart mobility del futuro

La diffusione della tecnologia blockchain, dell’IoT e dell’Intelligenza Artificiale sta spingendo quindi la Governance di diversi Paesi verso lo sviluppo di potenziali applicazioni a supporto delle attività di monitoraggio nel settore pubblico, in special modo in relazione alle infrastrutture stradali. In termini generali, registri distribuiti, come la Blockchain, possono determinare una nuova infrastruttura ICT a supporto dello scambio di informazioni tra le amministrazioni pubbliche, i cittadini e le imprese.

Nuovi paradigmi sullo sviluppo sostenibile sono orientati all’impiego di IoT, Data Analytics, Intelligenza Artificiale a supporto delle Istituzioni per quanto concerne advisory e monitoraggio sullo stato di salute delle infrastrutture stradali e sulle opere accessorie al fine di evitare situazioni di rischio, sino al crollo/rottura delle stesse.

Continua a leggere su Medium.