Le frodi assicurative ed altre forme di truffa, soprattutto online, sono praticate sempre più spesso. Per mettere un freno a questa tipologia di truffe, la Spagna ha deciso di avvalersi dell’aiuto dell’intelligenza artificiale (AI), con un sistema di analisi del testo automatica e soluzioni di machine learning: VeriPol.

Il sistema è stato sviluppato grazie alla collaborazione di due atenei: l’università di Cardiff e la Carlos III di Madrid.

LEGGI ANCHE: La CISA ha pubblicato un catalogo delle vulnerabilità da aggiornare

Pattern e schemi di riconoscimento

Stando alle affermazioni degli sviluppatori, VeriPol è in grado di identificare le denunce “fake” con un tasso di precisione dell’80% circa dei casi, analizzando anche pattern e schemi compositivi delle dichiarazioni e dei documenti depositati.

Sfruttando i processi di linguaggio naturale che si utilizzano per comprendere ed interpretare le parole degli esseri umani, il sistema di VeriPol può esaminare nel dettaglio la coerenza della storia, il tempo ed il modo dei verbi utilizzati per comporre le eventuali false dichiarazioni.

Secondo i dati forniti dal Ministero dell’interno spagnolo, l’algoritmo è stato applicato su circa 84.000 reclami da ottobre 2018 e, dalla sua introduzione ed applicazione, le simulazioni di reato sono diminuite.

Nel 2017 è iniziata la sua sperimentazione nelle città di Murcia e Malaga e, in una sola settimana, sono stati rilevati e risolti 25 casi di false denunce di rapina a Murcia, ed altri 39 sono stati individuati e risolti con successo a Malaga.

Continua a leggere su